Il Tractatus de Intellectus Emendatione: nuova edizione

Written by Foglio Spinoziano on . Posted in blog

E’ stato pubblicato, per i tipi della SE edizioni, a cura di E. De Angelis, il Tractatus de Intellectus Emendatione, iniziato da Spinoza tra il 1658 e il 1659 si pone come obiettivo quell’indagine sul Bene e sul suo conseguimento come stabilità nella propria vita. Solitamente tradotto con Trattato sulla correzione dell’intelletto, affronta ciò che serve all’intelletto per emendarsi, per correggersi dunque, da tutto ciò che rappresenta pregiudizio ed errore, per arrivare alla conoscenza della Verità. inizialmente identificata da Spinoza con il Bene. Il metodo affrontato nell’opera appare complesso riguardo ad esempio la definizione delle cose create con quelle increate oppure quale sia il ruolo dell’esperienza nella conoscenza delle cose create ma soprattutto appare difficile la definizione stessa dell’intelletto, cioè dell’oggetto stesso del Trattato. E’ noto che Spinoza non portò a termine il libro ma la sua ricerca affronterà sotto altre visuali questi stessi argomenti. Tuttavia lo studio di quest’opera, contenuta nell’Opera Posthuma, rimane di fondamentale importanza per capire l’evoluzione che porterà proprio alla definizione di “intelletto” e al suo incorporamento in tutta la sua filosofia. A tal senso è utile leggere on-line alcune citazioni tratte da Wikiquote.
Baruch Spinoza, Trattato sull’emendazione dell’intelletto
traduzione a cura di E. De Angelis
SE edizioni, 2010
Euro 21,00

Trackback from your site.

Comments (2)

  • Anonimo

    |

    Non si tratta di una nuova traduzione ma di una riedizione della vecchia traduzione edita da Boringhieri, Torino, 1961.

    Reply

Leave a comment

Pagina Facebook