La semiotica di Spinoza

Written by Foglio Spinoziano on . Posted in blog

“La storia della semiotica si è dimenticata di Spinoza. Eppure il filosofo ebreo definisce l’immaginazione “conoscenza per segni”, deducendone rigorosamente i principi da una fisica e una cosmologia, quali espressioni dell’unica ed eterna sostanza. Il presente libro ne ripercorre geneticamente il pensiero e mostra come, muovendo dalle nozioni comuni di traccia e immagine, la questione del segno in Spinoza si iscriva nell’orizzonte infinito di una fisica generale del senso, di cui l’uomo non è l’origine, ma un modo.
Discostandosi dagli schemi dualistici e soggettivistici che da Platone, Agostino, Cartesio e più tardi Kant hanno caratterizzato tanta parte del pensiero occidentale, il realismo spinoziano propone una concezione non antropocentrica dell’individuo, delle sue affezioni e del loro modo di portare il senso. Essa ci rimanda ad un’altra storia del segno e del significato, che, accanto agli stoici e a pensatori come Vico e Peirce, rimane in gran parte ancora da scrivere.

Solo un pensiero come quello di Spinoza può aspirare a pensare adeguatamente la grande rivoluzione scientifica e sociale della modernità, infrangendo finalmente quei dualismi che ancora occupano le posizioni dei realisti e degli ermeneutici dei nostri giorni. Nessuno meglio di Spinoza seppe infatti costruire un pensiero realmente copernicano, aperto all’infinito e libero da antiche superstizioni e pregiudizi.”

Anteprime:

“La semiotica di Spinoza”, di Lorenzo Vinciguerra
ETS Edizioni, Collana Segni del pensiero, 204 pp, 2012
Euro 18 (scontato a Euro 15,30 sul sito ETS)

Trackback from your site.

Leave a comment

Pagina Facebook